Ragazza annaspa nelle acque di Cannatello, a 250 mt dalla battigia, e viene “salvata” dall’assistente bagnante Giuseppe Filippazzo della Cooperativa Ulisse di Porto Empedocle.

2292

Ragazza annaspa nelle acque di Cannatello, a 250 mt dalla battigia, e viene “salvata” dall’assistente bagnante Giuseppe Filippazzo della Cooperativa Ulisse di Porto Empedocle.
Ascoltate il presidente della Cooperativa Calogero Sedino, fiduciario Provinciale di Agrigento della Federazione Italiana Nuoto: “…cosa anomala, mai vista prima, abbiamo portato la ragazza in preda al panico a riva, era piena di tentacoli di medusa…la ragazza recatasi in Ospedale con il fidanzato è tornata dopo un paio di ore e ha ringraziato l’assistente Filippazzo…la Legge 17/98 viene disattesa da due anni a Porto Empedocle, si dice per mancanza di fondi, ma……” Di Danilo Verruso