PER AMORE DELLA TERRA, il libro di Giuseppe De Marzo presentato ad Agrigento



Per amore della Terra (..e di noi stessi)
Chi ci guadagna se la Terra muore? È questa la domanda che tutti quanti dovremmo porci a fronte dei numeri snocciolati annualmente dalle statistiche che ci raccontano di un pianeta in crescente sofferenza, che non conosce cali di mortalità, che vede aumentare sempre più la massa dei profughi ambientali, che deve fare i conti con danni per centinaia di miliardi di euro come conseguenza degli effetti dei cambiamenti climatici e della crisi ecologica in generale. In poco meno di cinquant’anni abbiamo contratto un deficit ecologico enorme con il pianeta, che si traduce in maggiori disuguaglianze, ingiustizie sociali e ambientali e meno opportunità di vita per tutti. E l’ingiustizia più grande che stiamo ponendo in essere è senza dubbio quella nei confronti di chi ancora non c’è, delle generazioni future che erediteranno da noi un mondo più povero e inquinato. A un passo dal quel punto di non ritorno che si fa sempre più incombente e che gli scienziati hanno fissato nell’aumento di oltre 2° della temperatura in questo secolo, Giuseppe De Marzo – economista, giornalista, scrittore e attivista con i movimenti sociali latinoamericani al fianco delle popolazioni indigene e rurali, co-fondatore della #RetedeiNumeriPari fortemente voluta insieme a don Ciotti – ha scritto “Per amore della Terra”, libro in cui punta il dito contro chi ci ha portato fin qui.
Claudia Casa lo ha intervistato per noi a margine della presentazione del libro recentemente organizzata da #Libera e dalla libreria #IlMercantedilibri ad Agrigento. Di Claudia Casa