Cake Design l’arte di far torte. Ce ne parla la cake designer Roberta Petix. Di Lavinia Napoli

3745


Cake Design l’arte di far torte. Ce ne parla la cake designer Roberta Petix. Di Lavinia Napoli
Si dice che “anche l’occhio vuole la sua parte” e fin qui, cari amici di “in3minuti.it”, ci siamo … ma si dice anche che “a stomaco pieno si ragiona meglio”… e se parliamo di torte splendidamente “ricamate”, interamente dedicate al design … il ragionamento sarà perfetto! Ma, per caso, cucinando, ragionando e mangiando, ci stiamo confrontando con pura arte? Ebbene si, oggi si parla di arte gastronomica, e ,quella di saper far torte di ogni genere e misura, adornate di luci , suoni , colori e oggetti di ogni tipo, è la regina tra le arti gastronomiche. Alcuni pensano che la cake design sia nata in America, e invece, amici, vi devo deludere, l’arte di far torte non è americana, la cake design nasce nella Francia del 1840 (la prima torta decorata venne realizzata per il matrimonio della Regina Vittoria con Alberto di Sassonia) e dalla Francia poi si espande in tutta l’Europa e infine approda in America, dove nel 1929 esattamente a Chicago, viene aperta la prima scuola di decorazione di torte.
Essendo una appassionata di arte culinaria (nella veste di assaggiatrice e non di cuoca, ci tengo a precisarlo) ho incontrato ed intervistato la cake designer, Roberta Petix.
Non mi sono fatta svelare i trucchi del mestiere ma ho cercato di capire qualcosa in più sull’arte di far torte.
Ero rimasta alla torta nuziale bianca a più strati (e già mi sembrava una dimostrazione artistica spettacolare) o alla torta di compleanno con la pasta di zucchero o glassa con la foto del cartone animato preferito riprodotta sopra, ad oggi tutto ciò è superato! Il lavoro di Roberta consiste nel far prendere vita ad una torta introducendo all’interno parti meccaniche che producono movimenti, suoni e luci; ispirandosi principalmente al mondo Disney e/o al mondo della moda, la nostra designer adorna le sue torte con i più preziosi merletti fatti interamente di panna e creando vere e proprie sculture variopinte e deliziose non solo al gusto ma anche alla vista.

CONDIVIDI