A distanza di 35 anni dall’entrata in vigore della normativa il Comune muove i primi passi per il PEBA



A distanza di 35 anni dall’entrata in vigore della normativa, il Comune di Agrigento muove i primi passi per la redazione del PEBA, il Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (disciplinato dall’articolo 32 della legge 41 del 1986). Questa mattina la presentazione dell’iniziativa “Agrigento Accessibile”, alla presenza del sindaco Francesco Miccichè, dell’assessore Gianni Tuttolomondo, del funzionario comunale Sebino Dispenza e del direttore del Parco Archeologico Roberto Sciarratta. Tutti i cittadini attraverso la piattaforma gratuita MAPOTIC potranno segnalare gradini, cordoli, pendenze eccessive, pavimentazioni deformate o scivolose, assenza di marciapiedi, dissuasori e qualunque altro tipo di ostacolo al passaggio di una carrozzina. Dopo avere ricevuto le segnalazioni delle barriere architettoniche, si procederà immediatamente con la fase successiva, ovvero la redazione del Piano, da approvare in giunta e poi in consiglio comunale. Uno strumento con il quale si potrà accedere a bandi che ci consentiranno di reperire le risorse economiche per avviare le opere di abbattimento delle barriere architettoniche. Al fianco del Comune ci sarà il Parco Archeologico Valle dei Templi, esempio virtuoso per accessibilità. Ascoltiamo Miccichè, Sciarratta, Tuttolomondo e Dispenza al microfono di Giovanna Neri