“il simbolo del PD non è un brand da esporre…temo non troveremo l’unità” Silvia Licata 📹VIDEO

Il segretario cittadino dimissionario del PD Silvia Licata ieri ha scritto una lettera al commissario regionale On. Lo Sacco…e ieri sera c’è stato un lungo confronto. Di camillo Bosio

Lettera aperta inviata ieri da Silvia Licata al Commissario Regionale PD On. Alberto Lo Sacco
Commissario Lo Sacco,
nell’attesa che, finalmente, si svolga il congresso di circolo mi corre l’obbligo ricordarti che nella mia città, Agrigento, la prossima primavera si voterà per eleggere il Sindaco, per eleggere la persona che guiderà il comune per i futuri cinque anni.
Ad oggi, tutte le forze politiche, alleate con il PD nel governo nazionale, o in opposizione allo stesso, sono impegnate in incontri e discussioni, per meglio individuare le strategie, gli uomini che poi comporranno le liste, e il candidato da sostenere.
Solo il mio partito, che poi è anche il tuo, il PD, è assolutamente silente, è totalmente scomparso dal dibattito politico come partito, è presente, invece, come somma di uomini che nel gioco del “liberi tutti”, in mancanza di una guida, intraprendono strade a volte così dissimili ed opposte da far pensare che oggi, non c’è candidato alla poltrona di primo cittadino, che non ha una parte di pd che lo sostiene.
Fermo restando che per Statuto, art.14 “in ogni caso i circoli devono avere un segretario e un’assemblea degli iscritti”,quindi non possono rimanere senza segretario, che il tesseramento che permetterà di celebrare il nuovo congresso con l’elettorato attivo e passivo, si chiuderà il 31 dicembre e che l’elezione del nuovo gruppo dirigente non potrà avvenire prima della seconda metà di gennaio, ci sono tempi tecnici da rispettare perchè tutto si svolga con la massima trasparenza, ti chiedo da segretario uscente, chi pensi che oggi, deve guidare il Pd in questa delicata fase politica nella mia città?
Ricordo che secondo il ” REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLI, PER L’ELEZIONE DELL’ASSEMBLEA E DEL SEGRETARIO COMUNALE, PER L’ELEZIONE DELL’ASSEMBLEE DELLE UNIONI COMUNALI” approvato e diramato, all’art. 5 punto 7c è il segretario uscente a svolgere una breve relazione per illustrare la situazione politica locale e lo stato organizzativo del partito, e questo, di fatto, lo legittima ad essere la voce del partito, fino all’elezione del nuovo segretario e, quindi, del nuovo direttivo.
Oggi, purtroppo, si preferisce al contrario, almeno ad Agrigento, il silenzio, l’immobilismo, la divisione, il non avere una voce unica, il non avere una strategia unica.
Quindi, mi sorge spontanea una domanda, chi può parlare in città a nome e per conto del Pd, posto che non si vuol considerare legittimato il segretario uscente?
Ci sono altre figure che tu ritieni possano condurre il partito in questa fase decisiva per la città e per la politica cittadina?
Se si, che si facciano avanti,riuniscano la base, diano voce e spazio ai militanti e con loro decidano la strada da percorrere.
La sensazione che avverte chi in questo partito ha speso energia e tempo, e che, ad Agrigento, c’è chi cerca il simbolo, il brand da esporre, ma che lo si vuole svuotato di significato e di significante, privato di quel valore che per molti di noi è stata la molla politica, e chi al contrario lo ritiene, un peso, un freno a scelte politiche non condivise, ma opportunistiche, e quindi cerca di nasconderlo.
Alberto, non si può aspettare il congresso cittadino, siamo scomparsi dai radar, che sia il segretario cittadino uscente, il segretario provinciale, occorre che TU individui oggi una figura indispensabile per rilanciare l’iniziativa politica, che lavori alla creazione di un polo di aggregazione di forze politiche che da un lato guardano l’esperienza del governo nazionale e dall’altro la volontà di partecipazione dell’associazionismo, e dei cittadini. Occorre ritrovare riferimenti politici,culturali e umani per un rilancio dell’attività amministrativa di cui bisogna Agrigento, ma soprattutto,perchè si inizi quel percorso politico, che si spera, ci veda uniti, nel prossimo appuntamento elettorale.
Silvia Licata, segretario cittadino uscente Pd Agrigento

CONDIVIDI